Domanda:
Come posso evitare che le batterie perdano liquido?
Kelly Thomas
2015-01-19 07:22:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Di recente ho acquistato una lampada a LED alimentata a batteria da utilizzare durante un viaggio in campeggio.

Quando torno vorrei averla pronta per l'uso a casa quando la corrente si spegne.

Temo che, poiché non verrà utilizzato per lunghi periodi di tempo, le batterie potrebbero perdere liquido e rovinare la lampada.

Come posso conservare le batterie in / con un dispositivo inattivo per un periodo prolungato periodo senza che perdano?

Una soluzione ideale consentirà una procedura semplice e sicura per attivare la lampada, dovrà essere eseguita al buio.

Photo Credit: GigerPunk

Credito fotografico: GigerPunk

Ho pensato di riporli sciolti sullo scaffale adiacente alla lampada, ma sono preoccupato affinché possano:

  1. diventare separati o fuori posto,

  2. andare in cortocircuito (uno contro l'altro o altri strumenti sullo stesso scaffale)

Correlati: http://diy.stackexchange.com/questions/27147/how-to-prevent-batteries-leaking-out-in-devices
Tre risposte:
#1
+8
subjectivist
2015-01-19 07:58:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le batterie hanno un rischio di perdite maggiore quanto più si scaricano. Puoi fare quanto segue:

  • Conservare l'articolo in un luogo fresco.

  • Se l'articolo è stato utilizzato molto, sostituisci le batterie prima di riporle anche se hanno una carica rimanente.

  • Ispeziona l'articolo almeno una volta all'anno.

  • Utilizza batterie affidabili poiché le batterie economiche hanno un maggior rischio di perdite a lungo termine.

  • Non conservare un oggetto a lungo termine con batterie ricaricate.

Si noti che a causa dell'idrossido di potassio in esso contenuto, impedire la fuoriuscita è impossibile, è sufficiente ridurre il rischio. Soprattutto il punto sulle batterie economiche è importante perché quelle migliori hanno una tenuta molto migliore che può durare per decenni. Vorrei anche aggiungere all'elenco di non utilizzare mai batterie che potrebbero essere danneggiate fisicamente (ad es. Cadute, ammaccature, ecc.).
Invertendo una o più batterie si otterrebbe lo stesso effetto che rimuovendole tutte?
Per quanto riguarda l'economicità, ho smesso di acquistare Duracell anni fa grazie alla loro apparente propensione a trapelare e distruggere cose.
#2
+2
Kevin Reid
2015-01-20 00:56:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La perdita dalle batterie, se non sono drasticamente difettose o danneggiate, deriva dalle normali reazioni elettrochimiche al loro interno che consumano l'involucro metallico e aprono un foro. Pertanto, la prima linea di difesa, ovvero come prevenire quasi tutte le perdite, è rimuovere e gettare le batterie scariche . Poiché tutte le batterie hanno una certa "autoscarica", ciò significa che devi cambiarle periodicamente, ma finché hanno ancora una tensione sufficiente per far funzionare il dispositivo, probabilmente sei al sicuro.


Se il dispositivo ha un interruttore di alimentazione "morbido" , che in realtà non interrompe la connessione attraverso le batterie ma segnala a un circuito elettronico di spegnersi, per una conservazione a lungo termine dovresti rimuovere le batterie per evitare il consumo extra del controller in attesa che il pulsante venga premuto per accendersi. Modi per dirlo:

  • Se l'interruttore di alimentazione ha due posizioni meccanicamente diverse (premuto dentro e fuori, scorrevole / oscillante, o solo una sensazione e un suono distinti quando acceso o spento) , quindi è un interruttore di alimentazione "difficile".

  • Se il dispositivo ha funzioni di controllo come un timer di spegnimento automatico, che non richiedono di spegnere e riaccendere l'interruttore per ripristinare, è probabile che si tratti di un interruttore "morbido".

  • Se il dispositivo utilizza correttamente i simboli di alimentazione standard IEC sul suo interruttore, i simboli con un cerchio intatto ( ) indica un interruttore "duro" dove il cerchio spezzato () è "morbido". (Tuttavia, quest'ultimo simbolo è così iconico in questi giorni che è stato utilizzato in modo improprio su interruttori che sono effettivamente difficili.)

Se il dispositivo dispone di un interruttore di alimentazione soft, è possibile interrompere il circuito all'interno del vano batteria. Il modo più semplice per farlo è rimuovere una cella (o tutte, ma una lo farà). Un trucco più elaborato è inserire qualcosa di sottile e non conduttivo, come un sottile foglio di plastica, tra l'estremità di una cella e il contatto del vano batteria , quindi estrarlo prima dell'uso. (Non consiglierei la carta, perché l'ho fatto e in seguito ho trovato ruggine sui contatti - assorbimento d'acqua? Carta acida? Non lo so.) Fogli di plastica opportunamente sottili possono essere ritagliati da imballaggi di plastica al dettaglio o da quei colletti - rinforzi nelle camicie eleganti.


La chimica della batteria influisce sulla probabilità di perdite. Non ho trovato alcuna fonte esauriente affidabile su questo argomento, ma ecco le informazioni che sono riuscito ad accumulare: se qualcuno potesse offrire alcuni riferimenti, mi piacerebbe vederli.

  • Le comuni batterie alcaline presentano il rischio più elevato di perdite .

  • Cloruro di zinco (spesso chiamato "servizio super pesante") le batterie sono un po 'meno soggette a perdite e sono economiche ma hanno prestazioni inferiori (minore durata durante l'uso).

  • Le batterie al litio-ferro hanno prestazioni superiori e lunga durata (bassa autoscarica), ma sono generalmente molto più costose. Le batterie al litio-ferro sono generalmente altamente consigliate per un uso poco frequente come stai cercando. (Le batterie al litio-ferro in formato AA e AAA vendute nei negozi saranno probabilmente chiamate semplicemente "litio", ma tieni presente che ci sono molti altri tipi di celle al litio che non sono 1,5 volt e sono diverse in altri modi.)

  • Anche le batterie ricaricabili, come NiMH (nichel metallo idruro) , hanno meno probabilità di fuoriuscire perché le loro reazioni chimiche sono progettate per essere reversibili (e masticare il contenitore non lo sarebbe molto reversibile). Per questa applicazione utilizzeresti celle NiMH a "bassa autoscarica" ​​(note anche come "precaricate") e vorresti comunque ricaricarle occasionalmente. (A proposito, non è necessario scaricare periodicamente ricaricabili; "l'effetto memoria" è approssimativamente un mito.)

(Se dovessi usare la mia prima mano solo esperienza, direi "Le batterie alcaline perdono. Nient'altro lo fa.")


Tutto quanto detto sopra, la cosa più sicura che puoi fare è tenere le batterie fuori dal dispositivo. Ciò impedisce lo scaricamento di qualsiasi tipo diverso dall'autoscarica e consente di conservare il dispositivo e di gettare le batterie in caso di perdite. D'altra parte, devi inserire le batterie con la polarità corretta prima dell'uso.

Se devi inserire batterie tipo AA / AAA / C / D alla cieca , qui sono alcuni suggerimenti per la direzione corretta che puoi trovare al tocco:

  • L'estremità positiva del portabatteria avrà una sorta di "spalle" che sporgono oltre il contatto che sono progettate per impedire che l'estremità negativa di una cella all'indietro (che non ha protuberanze al centro) entri in contatto.

  • Di solito, c'è un contatto che è scattato, e quel contatto è il estremità negativa, mentre l'estremità positiva è rigida. Questo non è affidabile al 100%.

Non mi preoccuperei dei cortocircuiti: è difficile per gli oggetti sciolti realizzare un circuito completo (a patto che il guscio di plastica isolante la cella è intatta) nelle batterie di tipo AA / AAA / C / D, a meno che tu non stia facendo qualcosa come tenerle in una scatola di parti metalliche. Puoi essere ancora più sicuro tenendoli in una borsa (utile anche per meno confusione in caso di perdita) o avvolti in un fascio con un elastico o una fascetta (rivolgerli tutti nella stessa direzione).

#3
+1
Some Guy
2018-11-17 19:27:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Cerco di non conservare le batterie in un dispositivo che non intendo utilizzare entro una settimana circa. Quando metto via un dispositivo, metto le batterie in una piccola busta con chiusura a zip (ad es. Una busta "snack" di mezza dimensione) e la aggancio al dispositivo elettronico con un pezzo di nastro adesivo, una fascetta o un elastico . In questo modo, se le batterie perdono, il danno è contenuto e non danneggia il mio dispositivo. Inoltre, sembra meno probabile che perdano liquido quando sono fianco a fianco in un sacchetto di plastica e nessuno dei contatti della batteria tocca il metallo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...